Scuola internazionale delle Arti e della Cultura italiana

clet

Foto da La Repubblica Firenze

Vivere a Firenze significa essere costantemente circondati dall’arte e dalla bellezza, ma sarebbe riduttivo pensare al capoluogo toscano come ad un semplice scrigno che racchiude monumenti, opere e architetture di tempi ormai passati. E’ vero: Firenze è la culla del Rinascimento e porta con sé secoli di storia e di grandi tradizioni, ma il fermento creativo che da sempre la anima non si è mai affievolito. Un esempio? Pensate a Clet! Passeggiando per la nostra città vi sarete sicuramente imbattuti in una delle sue numerose e dissacranti opere di arte urbana. Anacleto Abraham è un artista francese, fiorentino d’adozione, la cui specialità è la rielaborazione in chiave ironica dei segnali stradali, che reinterpreta con semplici applicazioni di adesivi.
Ma Clet non è un semplice street artist. Le sue opere sono vere e proprie critiche ironiche ai limiti della nostra società: non è raro infatti trovare un divieto di sosta trasformato in una fantasiosa stretta di mano oppure il pittogramma di una videocamera di sorveglianza assumere le forme di un dinoccolato avvoltoio. Uomini stilizzati che rompono divieti di accesso, frecce che diventano chitarre elettriche o prati fioriti: Clet è un rivoluzionario armato di carta e plastica adesive e i suoi segnali riescono sempre a incuriosire e a strappare un sorriso ai passanti. 
In Italia da più di venti anni, Abraham ha trovato in Firenze una città ideale ed ha aperto il suo atelier in San Niccolò, uno dei quartieri più interessanti del capoluogo toscano, a pochi passi dal Ponte alle Grazie. E proprio sullo sperone di questo ponte, l’artista bretone ha installato una sua scultura in vetroresina, “l’uomo comune” – il tipico uomo stilizzato di Clet – che si affaccia con un piede sospeso sull’Arno, mentre ammira il Ponte Vecchio: un perfetto esempio di “public art”, di arte fruibile e godibile da tutti.
Ed è proprio il contrasto tra la modernità e il minimalismo delle rappresentazioni di Clet e la grande tradizione artistica fiorentina a creare un vibrante cortocircuito creativo: un percorso stimolante in un contesto vivace e in continua evoluzione.
Che siate amanti dello stile classico o innovatori convinti, fare arte a Firenze è un privilegio a cui vi consigliamo di non rinunciare!
0
0
0
s2smodern
L’Accademia Europea di Firenze è una Scuola Internazionale delle Arti e della Cultura italiana. Fondata nel 2005 come Scuola di italiano per stranieri, ha nel tempo ampliato la sua offerta all'arte e alla cultura italiana, alla musica e alla danza.
L’AEF offre anche Certificate Programs triennali in Voice & Opera, Drawing & Painting e Dance, un Certificate Program semestrale di Lingua italiana per la Certificazione CILS, Study Abroad Programs in collaborazione con prestigiose Università americane, Summer e Winter Programs e Joint Academic Programs realizzati con istituzioni universitarie di tutto il mondo.
L’approccio esperienziale e la qualità dei docenti fanno di questa scuola, fortemente radicata nella storia e nella cultura italiana ma dotata di standard accademici europei, un ambiente internazionale nella città del Rinascimento e della bellezza diffusa.

   Cookie policy    Privacy policy